IL SONNO. TUTTO QUELLO CHE DOVRESTE SAPERE…

Il benessere è una condizione fisica, mentale e spirituale di piacevole equilibrio, e quindi più che una semplice assenza di disagi.

Quali sono i pilastri sui quali il benessere fisico è fondato?
– L’alimentazione
– L’esercizio fisico
– Il mantenere disintossicato il nostro organismo
-Il riposo

IL RIPOSO:
Spesso in questa società di produzione compulsava il riposo è visto come “perdita di tempo”. Tutti conosciamo il pedante proverbio: “chi dorme non piglia pesci”. In realtà il riposo è un momento essenziale nel recupero energetico, e non dovrebbe mai essere trascurato. . Non solo il viso appare più disteso, ma anche il corpo e la mente possono trarre notevoli benefici. Il sonno assicura la corretta attività del sistema immunitario e delle funzioni organiche, potenzia la memoria e ha riscontri positivi sul raggiungimento di una migliore forma fisica. Il sonno svolge un ruolo fondamentale nella regolazione degli ormoni, anche di quelli che regolano la glicemia.
Un’ analisi scrupolosa dei dati del Wisconsin Sleep Cohort Study, un vasto studio sul sonno che è in corso da oltre quindici anni, mette in evidenza dei dati molto importanti. La mancanza di un adeguato riposo stimola il senso di appetito e rallenta il metabolismo, favorendo con ciò l’aumento di peso. Ecco i meccanismi che sono alla base di questo fenomeno:
– il cattivo sonno aumenta il livello di cortisolo e stimola di conseguenza l’appetito, e soprattutto il desiderio di cibi dolci. Il cortisolo elevato interferisce anche con l’utilizzo appropriato dei carboidrati, provocando un eccessivo aumento delle riserve di grassi e l’instaurarsi di insulinoresistenza, passaggio critico verso l’obesità e il diabete.
– Il cattivo sonno innalza il livello di grelina e riduce quello della leptina. La grelina è un ormone che stimola l’appetito che viene secreto principalmente dallo stomaco. Quando il suo livello aumenta, si avverte il senso di fame. La leptina è invece un ormone prodotto dalle cellule adipose, che induce il senso di sazietà.
Se il dormire poco e male diventa un’abitudine l’ appetito e il desiderio di cibi ricchi di carboidrati come dolciumi, caramelle, gelati, pasta e pane aumenta di conseguenza, con un disastroso effetto sulla salute e sulla linea
Vorrei fare una premessa, anche se un po’ tecnica, sull’ormone della crescita. L’ormone della crescita è secreto anche e sicuramente in maggior quantità con il sonno, detto anche STH, ormone somatotropo, somatotropina o GH (growth hormone). E’ una proteina semplice, formata dalla sequenza di 191 amminoacidi. E’ un ormone prodotto dalla ghiandola pituitaria (ipofisi) su stimolazione del growth hormone-releasing factor o GHRF, sostanza prodotta dall’ipotalamo. Lo stimolo essenziale per la liberazione del GHRF è l’ipoglicemia (causata dal digiuno). La liberazione è stimolata anche dall’attività fisica intensa, dalla febbre, dagli stress, etc. Esso viene prodotto durante tutta la vita, anche se superati i 30 anni, i suoi livelli iniziano a diminuire rapidamente con il passare degli anni. Il GH, attraverso la produzione di un altro ormone, il fattore di crescita 1 simile all’insulina IGF-1, favorisce l’assorbimento degli aminoacidi, il che permette lo sviluppo muscolare, migliora la sintesi del DNA e RNA, rende più facile l’assorbimento dei carboidrati e aumenta la ritenzione dell’azoto
.
Il suo più importante effetto fisiologico è quello di favorire lo sviluppo somatico (sviluppo del corpo), è la sostanza responsabile dell’accrescimento e la sua carenza provoca, di conseguenza, ritardi nello sviluppo e nanismo. Nell’infanzia e nell’adolescenza stimola insieme ad un altro ormone il testosterone, la crescita e lo sviluppo sessuale, aumenta la massa muscolare e favorisce la formazione del tessuto osseo. Stimola in particolare l’accrescimento delle ossa lunghe nel soggetto giovane, mantiene e favorisce il trofismo dei muscoli, del fegato e del rene, coopera con gli ormoni androgeni nello sviluppo dei genitali esterni. Tutti questi effetti sono attuati solo in presenza di insulina (ormone secreto dal pancreas). Rende positivo il bilancio azotato, aumentando l’incorporazione degli amminoacidi nelle proteine, diminuisce il contenuto lipidico dei tessuti ed aumenta la glicemia.
Questo ormone, prodotto soprattutto durante il sonno profondo, ed è di alta importanza per la trasformazione delle sostanze alimentari e conseguentemente la crescita muscolare, come ti ho già citato, ed ha un effetto che molti non sanno cioè, che esso stimola il metabolismo che si oppone così alla produzione di grasso corporale. Non è dunque soltanto la durata del sonno(per alcuni ne bastano 6, mentre per altri 8 potrebbero non essere sufficienti) ma anche la qualità del sonno che favorisce il controllo di peso
Abbiamo tutti esperienza di come in alcune condizioni poche ore di un sonno profondo siano state più benefiche di molte ore di sonno superficiale o disturbato. Possibilmente, dovremmo dormire in una stanza confortevole, sia da un punto di vista di temperatura o di quiete, ma anche di adeguatezza di arredamento. E’ importante ovviamente anche la qualità del letto su cui riposare: sufficientemente duro ed uniforme.

Se vuoi sapere quale siano le strategie più utili alla tua persona per dormire al meglio delle tue possibilità, non esitare a contattarci e noi ti daremo tutte le informazioni del casosonno